Intestazione

5 frasi che nel 2022 non dovresti davvero più dire

Testo

Marlies Seifert

Pubblicato

10.01.2022

news-header-no-go-saetze

Per quanto buone siano le intenzioni dietro queste frasi, nell'anno nuovo smettiamo di usarle una volta per tutte. Per buoni motivi.

Tutti qualche volta ci lasciamo sfuggire un'osservazione avventata o una domanda inopportuna. A volte anche i complimenti possono avere un risvolto negativo. Ecco cinque classici preferibilmente da evitare.
 

«Hai proprio un bell'aspetto per la tua età!»

Anche se l'intenzione è gentile, l'interlocutrice, normalmente donna, ha l'impressione di essere catalogata in base all'età. Inoltre, così dicendo si afferma implicitamente che, quando spuntano i primi capelli bianchi e le rughe diventano più profonde, non si rientra più negli ideali di bellezza. «Age Positivity» è il nuovo motto delle donne che si lasciano alle spalle questi pregiudizi ed esibiscono con orgoglio le rughe. Le promotrici della rivoluzione delle nonne (sito in tedesco) dimostrano che una donna può posare nuda per un calendario a qualsiasi età.

news-inhaltsbild-no-go-saetze-3

Foto: GrossmütterRevolution

«Wow, come sei dimagrita*o!»

Sottintende lo stereotipo estetico magrezza uguale bellezza. Le cause della perdita di peso possono però essere diverse e persino non intenzionali. Meglio quindi aggiungere questa esclamazione alla lista delle frasi proibite, seguita a ruota dalla domanda «Ma, sei ingrassata*o?» o altre frasi tipo «Mi preparo per il fisico da spiaggia» e «Le donne vere hanno le curve». Parlando così confrontiamo con sguardo critico e giudicatore diversi canoni estetici. Ecco perché bisogna smetterla di fare commenti sull'aspetto fisico, proprio o altrui.

«Non è poi così grave.»

Non è certo sminuendo i problemi che li si risolve. Questa frase quindi non aiuta, anche se detta in buona fede. La percezione di uno stesso problema, disturbo, disagio o quant'altro di negativo è soggettiva. Per consolare qualcuno è più utile essere empatici esprimendo comprensione per la sua sofferenza. Dimostra attenzione e premura per lo stato d'animo di chi ti sta di fronte. Puoi dire per esempio: «Effettivamente non è facile. È normale che tu sia triste.» In situazioni particolarmente difficili dovresti mostrare di dar peso a quanto accade e cercare aiuto per la persona colpita o per te. Per scoprire i segnali di eventuali problemi psichici consulta il sito Pro Mente Sana.

news-inhaltsbild-no-go-saetze-1

Foto: GettyImages

«Hai l'aria stanca oggi.»

Sortire così non fa altro che aggravare lo stato d'animo della persona che ti ascolta. Chiedere semplicemente come va dimostra ben più attenzione. O piuttosto vai incontro a chi ti sembra non in forma chiedendo se puoi fare qualcosa per lui o per lei.

«I genitori rilassati hanno bambini rilassati»

Damit sagt man indirekt, dass Eltern selbst schuld sind, wenn sie ein Schreibaby haben oder ihr Kind seit Questa frase suggerisce indirettamente che è colpa dei genitori se il loro bambino piange o se da mesi non dorme tutta la notte. Un'affermazione del genere non fa che accrescere lo stress a cui i genitori sono già di per sé sottoposti. È assolutamente normale che ogni tanto a un genitore saltino i nervi e che si senta sfinito. Su Refeel madri e padri al limite dell'esaurimento trovano contatti di istituzioni che offrono aiuto. Anche qui

Foto/scena: GettyImages

Abbonati alla newsletter.

Abbonati subito alla newsletter di Impegno Migros.